Emilia, il valore di un gemellaggio

6 ottobre 2012 – Proprio in questi giorni le cronache hanno riportato sotto i riflettori il dramma delle popolazioni colpite nel maggio scorso dal terremoto nel Nord Italia. E le polemiche non sono mancate, soprattutto sul fronte degli interventi ancora carenti e sui tempi eterni della burocrazia.

Del resto, non è una novità nella storia del nostro Paese. Infatti, quando si affrontano queste situazioni di grave emergenza ci si trova a dover fare i conti con inghippi e impedimenti che allungano i tempi sul fronte delle realizzazioni di progetti concreti e nascono difficoltà anche nei rapporti tra le persone. E ciò avviene indistintamente sia in campo civile e sia in campo ecclesiale.

Tuttavia sarebbe assurdo rallentare il passo o addirittura fermarsi sul cammino della ricostruzione. E quando si parla di ricostruzione non si intende soltanto quella materiale, ma soprattutto quella umana e relazionale.

Per questo motivo il gemellaggio tra le Diocesi di Como e di Mantova – che coinvolge la Caritas diocesana di Como in una proficua collaborazione con le comunità della parrocchia di Sermide e di Quatrelle – può rappresentare un momento di dialogo, di conoscenza e di reciproco aiuto per risolvere le difficoltà ancora in essere. La burocrazia – quella “cattiva” che non permette, paradossalmente, di applicare le regole giuste nei modi e tempi dovuti – e le carenze organizzative purtroppo esistono, e vanno affrontate con determinazione.

Spesso, però, sono una scusante per non fare, per non usare intelligenza e creatività proprio per vincerle e agire in collaborazione con il prossimo, con gli altri enti e associazioni civili e religiose. Ebbene, tutto ciò che frena la rinascita può essere superato, quindi, con una forte assunzione di responsabilità da parte di ognuno. Ognuno abbia il coraggio di decidere per quel che gli compete e sia capace di rischiare, di forzare e abbattere tutte le barriere ancora alte in quella terra martoriata. Senza indugio.

(Sul progetto di gemellaggio tra la Caritas diocesana di Como e le comunità di Sermide e di Quatrelle in provincia di Mantova è dedicata un’intera pagina sull’ultimo numero del “Settimanale della Diocesi” visibile sul sito alla sezione “Informazione”. Inoltre, “Sotto i riflettori” o nella sezione “Emergenze e collette”, sempre sul sito della Caritas, è dedicato un aggiornamento sul terremoto ed è possibile vedere e scaricare documenti in pdf sull’argomento)

Roberto Bernasconi, direttore Caritas diocesana di Como