Dormitori annuali di Como

La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio onlus, in collaborazione con la rete dei volontari Caritas, gestisce a Como il “Dormitorio annuale della Città di Como” e l’accoglienza notturna “Daniele Comboni” a Rebbio (quest’ultimo progetto è in partnership con la parrocchia di San Martino).

Il “Dormitorio annuale della Città di Como” di via Napoleona 34

Il “Dormitorio annuale della Città di Como” di via Napoleona 34, a pochi passi da Camerlata, è attivo – in collaborazione con l’amministrazione comunale – dal 1° novembre 2010 nella sede storica dell’Ozanam per accogliere persone senza dimora, residenti principalmente a Como e – se stranieri – che abbiano un regolare permesso di soggiorno. Il dormitorio può ospitare 56 persone (di cui 7 donne) in 18 stanze condivise.
La sua mission è fornire una prima risposta a queste persone per permettere loro di dimorare – per un periodo limitato nel tempo (i turni sono mensili) – in un luogo organizzato, stabile e tranquillo durante le ore notturne (dalle 20 alle 8 del giorno successivo).

A questa struttura è possibile accedere attraverso un colloquio preliminare gestito dagli operatori di “Porta Aperta”, il servizio cittadino per la grave marginalità che ha sede in viale Varese. È importante evidenziare che il dormitorio di via Napoleona è un luogo di accoglienza, dove si privilegia l’attenzione alla persona e alla relazione durante tutta la permanenza presso la struttura. Per questo motivo, oltre agli operatori Giovanni e Ivana e l’aiuto di 2 custodi e un addetto alle pulizie – svolgono un ruolo prezioso i numerosi volontari che da anni si alternano.

Complessivamente dal 2011 al 2020 (ultimo dato di ottobre), gli italiani ospitati sono stati 522, mentre gli stranieri 1.518, per un totale di 2.040 persone. Di queste, 1.743 uomini e 297 donne. Sempre in base ai rilevamenti del 2020 (fino a ottobre), 5 nazionalità hanno fatto registrare il maggior numero di presenze: Italia 35, Tunisia 19, Somalia 17, Nigeria 12 e Pakistan 10.

Per approfondire leggi la pagina pubblicata su “il Settimanale della Diocesi di Como”

 

L’accoglienza notturna “Daniele Comboni” in via Salvadonica 13 a Rebbio

L’accoglienza notturna “Daniele Comboni” in via Salvadonica 13 a Rebbio – dal giugno 2020 organizzato in locali completamente nuovi e più confortevoli – apre i battenti a luglio del 2017 grazie alla collaborazione tra i Missionari Comboniani, la Caritas diocesana di Como – attraverso la Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio – e la parrocchia di San Martino.

Il servizio vuole offrire maggiore stabilità alloggiativa a persone maggiorenni senza dimora (uomini italiani e stranieri con permesso o carta di soggiorno in corso di validità) con qualità spendibili in percorsi di inserimento formativo o lavorativo. Si tratta in molti casi di persone con entrate economiche proprie, ma non ancora sufficienti a garantire una piena autonomia abitativa e  finanziaria. L’accesso alla struttura prevede un solo requisito fondamentale: la condivisione di un progetto di accompagnamento individuale da concretizzare anche con il supporto degli operatori e, in alcuni casi, dei volontari di riferimento. Per questo la durata dell’accoglienza, pur rimanendo temporanea, non ha un termine unico ma è legata ai percorsi individuali.

La capacità massima è di 20 posti, 10 per gli inserimenti provenienti dalla parrocchia di Rebbio e 10 per invio diretto di Caritas. Alla struttura si accede tramite richiesta e colloqui presso il servizio di Porta Aperta a Como. L’accoglienza notturna è gestita da 4 figure professionali (un referente della struttura; due operatori e un custode) e da una ventina di volontari.

Per approfondire leggi la pagina pubblicata su “il Settimanale della Diocesi di Como”