Casa Nazareth: gli studenti della “Cometa” cucinano e servono il pranzo agli ospiti della mensa

30 maggio 2021 – Una giornata davvero speciale quella che si è svolta sabato 29 maggio alla mensa di solidarietà di Casa Nazareth in via San Guanella a Como.
Ventidue studenti della classe del terzo anno del corso di operatore della ristorazione (sala e bar) dell’Associazione Cometa di Como si sono messi alla prova, preparando le loro pietanze nella cucina della struttura e poi servendole all’esterno ai senza dimora della città, seduti ai tavoli accuratamente apparecchiati.

L’evento è stato richiesto e interamente organizzato dalla stessa Associazione comasca, per permettere agli allievi di creare e portare a termine in tutte le sue fasi un vero e proprio evento come prova di fine anno scolastico. Così, dopo un sopralluogo di studenti, di alcuni docenti e tutor nei giorni precedenti l’evento, venerdì sono iniziati i preparativi e sabato di buon ora sono state cucinate le pietanze e preparati i tavoli all’aperto per il pranzo.

Tutto è stato eseguito con estrema cura, dalla preparazione del menu – tradizionale ed etnico deciso per rispettare le diverse esigenze degli ospiti che provengono da diversi Paesi – alla scelta delle tovaglie, dei piatti, delle posate, dei bicchieri e di tutto ciò che può rendere speciale il pranzo della festa. Per ogni ospite, in segno di riconoscenza e di amicizia, è stato preparato anche un piccolo dono: alcuni biscotti cucinati dagli allievi e accuratamente consegnati in simpatici piccoli sacchetti.


Nel corso dell’evento sono stati così preparati e serviti ben 130 coperti – non sono mancati anche i bis – in un clima di amicizia e cordialità.

Questa è la prima volta che Casa Nazareth apre le sue porte al mondo della scuola e ai giovani. Il direttore della Caritas diocesana, Roberto Bernasconi, e il referente della struttura, l’operatore Gabriele Bianchi, hanno colto con entusiasmo la proposta del preside della scuola Giovanni Figini di creare questo evento per dare l’opportunità agli allievi di “mettersi alla prova” non solo a livello didattico, ma soprattutto umano e personale.
E così è stato in una splendida giornata di sole e di condivisione. Lo hanno sottolineato anche la tutor della classe, Camilla Cadenazzi, e i docenti coinvolti con entusiasmo nel progetto: Matteo Tettamanzi, Simone Borgonovo, Luca Scarano e Donata Zanchin.

Quindi, una vera e propria “prova d’esame” superata alla grande.

Complimenti alle ragazze e ai ragazzi dell’Associazione Cometa per la loro “voglia di esserci”. Il grazie di cuore della Caritas diocesana e di tutti gli ospiti che erano presenti e che hanno davvero apprezzato tanta attenzione e amicizia nei loro confronti.

(Foto di Martino Berni)

 

DONA ORA PER LA MENSA DI SOLIDARIETÀ DI CASA NAZARETH