Stili di vita e creato: tocca (anche) a noi! Incontro con Adriano Sella

Doppio appuntamento in diocedi di Como con Adriano Sella, missionario laico del creato e dei nuovi stili di vita, che ci parlerà del rapporto tra le nostre scelte quotidiane e la cura del creato.
L’incontro – promosso da una serie di Uffici diocesani, tra cui la Caritas diocesana – ha il titolo: “Stili di vita e creato: tocca (anche) a noi!
Abbiamo chiesto a Rossano Breda, coordinatore per l’area pastorale della Caritas diocesana, di spiegarci il senso di questo importante appuntamento.

Ascolta l’audio della testimonianza di Adriano Sella CLICCANDO AL LINK

“È fondamentale cercare soluzioni integrali, che considerino le interazioni dei sistemi naturali tra loro e con i sistemi sociali. Non ci sono due crisi separate, una ambientale e un’altra sociale, bensì una sola e complessa crisi socio-ambientale. Le direttrici per la soluzione richiedono un approccio integrale per combattere la povertà, per restituire la dignità agli esclusi e nello stesso tempo per prendersi cura della natura. (LS 139)”
Papa Francesco ricorda nella enciclica Laudato Si’ che la “visione ecologica” alla luce della fede, è una prospettiva di giustizia e condivisione. Il tema del rispetto dell’ambiente, nel quale vivono e convivono tutte le creature e quindi anche l’essere umano, rimanda a comportamenti e responsablità precise.
Per questo, da più parti, anche nelle nostre comunità, nella nostra Diocesi, si sente la necessità di un approfondimento che abbia l’ambizione di aiutarci ad assumere comportamenti consapevoli e responsabili alla luce delle esigenze del tempo che viviamo. Per questo, alcuni Uffici di Curia della nostra Diocesi, inseriti nel percorso del Tempo del Creato (1 settembre – 4 ottobre), hanno pensato e proposto un tempo di riflessione che metta al centro “Gli stili di vita e l’azione Pastorale”.
Un tempo privilegiato per approfondire, condividere, progettare, un cammino che porti concretamente a fare scelte pratiche (nelle nostre comunità nelle nostre famiglie, nelle scelte personali) che non solo tengano conto della realtà concreta che viviamo nel nostro quotidiano, ma abbiano anche uno sguardo “globale” per comprendere che ogni scelta ha una ripercussione, piccola o grande che sia, anche a distanza e nel tempo. un tempo si diceva: agire localmente, pensare globalmente!
Adriano Sella, missionario del Creato della diocesi di Vicenza, il 9 e 10 settembre ci aiuterà a fare questo passaggio. Gli chiederemo di indicarci azioni concrete che diano sostanza alla scelta fondamentale del Creato, rispettando il quale si rispettano i diritti di tutte le creature garantendo una qualità di vita soddisfacente a tutti.
Per questo facciamo nostre le indicazioni di papa Francesco, che saggiamente rimanda alla inscindibile assonanza tra rispetto dell’ambiente e qualità di vita, anche in una prospettiva di fede:
“Oggi l’analisi dei problemi ambientali è inseparabile dall’analisi dei contesti umani, familiari, lavorativi, urbani, e dalla relazione di ciascuna persona con sé stessa, che genera un determinato modo di relazionarsi con gli altri e con l’ambiente. C’è una interazione tra gli ecosistemi e tra i diversi mondi di riferimento sociale, e così si dimostra ancora una volta che «il tutto è superiore alla parte”. (LS 141).
CHI È ADRIANO SELLA?
Adriano Sella è un  missionario laico del creato e dei nuovi stili di vita,  originario di Vicenza, discepolo e promotore della giustizia e della pace. Ha lavorato per molti anni in Amazzonia (Brasile), dove  è stato coordinatore della Commissione Giustizia e Pace e della Pastorali Sociali della Conferenza Episcopale del Nord II del Brasile, accompagnando e sostenendo anche l’impegno delle comunità ecclesiali di base e dei movimenti sociali.
Ha conseguito la licenza di Teologia Morale e ha insegnato in alcuni istituti teologici in Amazzonia (Brasile), soprattutto sul versante sociale dell’Etica Teologica.
È  scrittore di molti libri e articoli, in Italia e anche in Brasile. Tra gli ultimi: Una Solidarietà intelligente, Editrice Dehoniane; la Giustizia, nuovo volto della pace, la Miniguida dei Nuovi Stili di Vita e la Miniguida delle Relazioni Umane, Editrice Monti; Per una Chiesa del Regno, nuove pratiche per riportare il cristianesimo all’essenziale, Via Crucis dei Nuovi Stili di Vita, Come Cambiare il mondo mediante i nuovi stili di vita, Spiritualità dei nuovi stili di vita nella prospettiva del Vangelo, Dal grido al cambiamento educhiamoci ai nuovi stili di vita con la Laudato si‘,  editrice EMI.
Dal 2003 vive e lavora in Italia nella promozione dei nuovi stili di vita, coordinando la rete nazionale dei nuovi stili di vita.
A Vicenza ha promosso il movimento Gocce di Giustizia e altre realtà che hanno come obiettivo creare una cultura di giustizia, come l’Equobar, ora itinerante: un bar equo e solidale per una cultura dell’altra informazione.
Ha promosso e amministrato un corso “Teologia e Pastorale dei Nuovi Stili di Vita” nella Facoltà Teologica del Triveneto in forma di seminario  dal 2010 al 2014. Ha promosso e coordinato la Commissione diocesana Nuovi Stili di Vita della diocesi di Padova dal 2006 al 2016.
E’ il promotore e coordinatore della Rete Interdiocesana Nuovi Stili di Vita. Attualmente vive a Vicenza come cittadino attivo, portando avanti la missionarietà del creato e dei nuovi stili di vita in tutta Italia.